IMPLANTOLOGIA

Che cos’è un impianto dentale?
Un impianto dentale è costituito da un cilindro filettato in titanio che funge da sostituto della radice dentaria di un dente naturale perso.
L’impianto viene inserito nella mascella o nella mandibola e con il tempo viene osteo-integrato dall’osso. L’impianto serve come ancoraggio per una protesi dentaria.
   
Quali sono le percentuali di successo degli impianti dentali?

Stando ai riscontri clinici raccolti in più di trent’anni e relativi a più di cinque milioni di pazienti trattati, in più paesi europei, le corone e i ponti cementati o avvitati su impianti, mostrano un’elevata percentuale di successo. Le statistiche parlano di una percentuale di riuscita pari al 95% circa per gli impianti singoli e ancora più elevata per i ponti sorretti da più impianti. Ci sono impianti dentali che da più decenni assolvono perfettamente la loro funzione.  

Prima di eseguire un impianto dentale, sono necessari diversi esami specifici per poter comprendere la qualità e quantità di osso presente ed programmare quindi la corretta terapia implantare. 

In mancanza di osso è possibile effettuare una ricostruzione dello stesso, attraverso l'utilizzo di materiali biocompatibili. Questo procedimento richiede un sensibile allungamento dei tempi di osteo-integrazione dell'impianto (fino ad un massimo di 9 mesi).

Esistono diverse tipologie di procedimenti implantari:

  • impianti a carico immediato (viene applicato, nella stessa seduta chirurgica, un provvisorio o un definitivo) 
  • impianto post-estrattivo (contemporaneamente all'estrazione viene inserito l'impianto)

Tutti gli impianti sono bio-compatibili con l'organismo quindi non possono generare alcun tipo di rigetto.

L'eventuale perdita Implantare, è dovuta quindi ad un fallimento (qualunque siano le origini) e non ad una reazione metabolica provocata dal materiale. 

L'esito negativo può essere  provocato da una non corretta  pianficazione implantare, sottovalutazione dei tempi di osto-integrazione (guarigione), carico eccessivo, mancata corretta igiene domiciliare, mancanza di visite di controllo ecc... . 

L'impiantologia ha un vasta gamma di vantaggi pratici:

  • non vengono utilizzati i denti adiacenti al dente mancante, risparmiando quindi di sostanza biologica.
  • fissaggio della protesi mobile superiore o inferiore (dentiera) attraverso una struttura fissata su impianti. Riducendo la grandezza della stessa (niente palato) ed evitando l'uso di paste adesive. 

Siamo a disposizione con consulenze gratuite per fornire ulteriori informazione sui molteplici utilizzi, degli impianti personalizzando i i consigli ad ogni singolo paziente.