top of page
  • Immagine del redattoreStudio Dentistico Nadalini

Buone regole per prevenire placca e tartaro ai denti.



Differenza tra placca e tartaro

Non sono la stessa cosa. Mentre la placca dentale riguarda l’accumulo di batteri sia sui denti che sotto le gengive, il tartaro non è altro che placca indurita, in quanto trascurata.

Nel caso in cui non si effettui giornalmente una corretta igiene orale la placca (biofilm batterico di natura acida) non solo può creare problemi di carie e malattie gengivali ma può indurirsi e diventare tartaro. Il tartaro è più difficile da rimuovere e crea incrostazioni più o meno indurite e di colore giallo sui denti. Oltre ad essere a sua volta pericoloso per la formazione di carie e malattie gengivali ha anche uno sgradevole aspetto e non giova all’estetica della bocca. Detto questo, per rimuovere il tartaro non è sufficiente una normale igiene quotidiana con spazzolino e filo interdentale ma è necessario recarsi dal proprio dentista per una pulizia professionale.


Come combattere la placca batterica.

La prevenzione è tutto. -Effettuare dopo i pasti (almeno 30 min dopo) la pulizia dei denti con uno spazzolino a sete morbide o medie. Scegliere un buon dentifricio al fluoro e spazzolare i denti nella maniera corretta per almeno per due minuti. Utilizzare il filo interdentale è una prassi molto utile che non va trascurata, soprattutto dopo le abbuffate festive. Anche l’utilizzo di un collutorio antibatterico al fluoro è consigliato.

– Bere un’adeguata quantità d’acqua è buona prassi per mantenere un ph equilibrato in bocca in modo da contrastare l’acidità dei batteri. Inoltre, bere acqua aiuta a tenere pulita la bocca, sciacquando via i residui di cibo.

– A parte i periodi di festa bisogna tenere d’occhio l’alimentazione per prevenire la placca consumando pochi cibi zuccherati e limitando in genere tutti i carboidrati. Un’alimentazione corretta è sicuramente il nostro migliore alleato. Per fumo e alcoolici vale lo stesso discorso.

– Recarsi ogni 6 mesi circa dal proprio dentista per una pulizia professionale.


Come rimuovere il tartaro.

Anche in questo caso la prima cosa è prevenirlo attraverso tutte le buone regole descritte sopra per combattere la placca dentale. Una volta formatosi il tartaro non ci resta che recarci dal dentista (o igienista dentale) per effettuare l’ablazione del tartaro, detta anche detartrasi. Più si attende e peggio è in quanto è più semplice rimuovere il tartaro di recente formazione.

Per raschiare via il tartaro ci sono varie tecniche tra cui quella classica manuale (con ablatore manuale e curette), tramite l’aiuto di strumenti come Air Flow (per tartaro di recente formazione), con l’ausilio di ultrasuoni. In genere gli ultrasuoni vengono utilizzati maggiormente per eliminare il tartaro dalle zone più complicate da raggiungere (sottogengivali).

In fondo per proteggersi dalla placca dentale e prevenire il tartaro è sufficiente seguire questi semplici dettami ed inserirli come abitudini nel nostro stile di vita.

1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page